CONOSCIAMO “CAMILLA”

alchemilla al barrios 1-3-28
FOOD FILM FESTIVAL PARCO AGRICOLO SUD MILANO 2018
CONOSCIAMO “CAMILLA”, un progetto di cooperativa
Giovedì 1 marzo alle ore 17.30, nell’ambito del Food Film Festival, in occasione della proiezione del film FoodCoop al Cinema teatro EDI/Barrio’s in p.za Donne Partigiane a Milano, incontro con Susanna Cattini del GAS Alchemilla di Bologna per un confronto su “Camilla”, il nuovo percorso che ha co-promosso con un gruppo di agricoltori. L’incontro è proposto da BuonMercato, il centro servizi per l’economia socio-solidale di Corsico, che sta prendendo a modello l’esperienza di FoodCoop.
A seguire, alle ore 19.30, a tavola con ottimi cibi condividendo un progetto solidale a cura del catering La Madeleine
alle 20.30, proiezione del film FOOD COOP di Tom Boothe
Prenotazione obbligatoria a: info@barrios.it – 02.89159255

Dal 20 febbraio al 29 marzo 2018, degustazioni, film, documentari e storie contadine dedicati al cibo. Un festival itinerante nei comuni del Parco Agricolo Sud Milano per offrire una riflessione sui temi del cibo e della sostenibilità. Coinvolge diverse realtà dell’area metropolitana di Milano: associazioni, gruppi di acquisto solidale e cittadini attivi, per riflettere e confrontarsi sulle scelte consapevoli, sugli stili di vita sostenibili e sulla corretta nutrizione.
Per visualizzare tutto il programma collegati al sito

UN PANETTONE SPECIALE

logo-pime.pngpanettonePIME_mail4.jpg

UN PANETTONE SPECIALE e tante idee regalo solidali.
Ci aiuti anche tu a diffonderlo?

Quest’anno il Negozio PIME propone un panettone solidale, con lievito madre, con cui sostenere i missionari del Pime nel mondo ed anche la tua realtà (nel caso di scuole, parrocchie, gruppi, onlus, associazioni etc.).

Si tratta di un prodotto davvero eccezionale per vari motivi:

– sostiene direttamente l’opera dei missionari, laddove c’è più bisogno

– realizzato con ingredienti equosolidali dalla coop. Variomondo di Limbiate

– i sacchetti di stoffa sono prodotti dalla cooperativa BAHOZE di Tumba (RWANDA) dove lavorano ex-ragazze di strada

– confezionamento a cura del “Centro Farmaceutico Missionario” di Valmadrera, che lavora in ambito sociale e caritatevole    

Se vuoi scoprire tutti i progetti di sviluppo dei missionari del Pime nel mondo clicca qui.

Sono disponibili anche BISCOTTI e MARMELLATE ARTIGIANALI prodotte dalle monache trappiste a sostegno del PIME oppure Calendari dell’Avvento per i bambini.

 LEGGI DI PIU’ SUI PRODOTTI PIME PER NATALE

mail_prodotti_natale.jpg

COME PRENOTARE?

Il metodo migliore è quello di compilare il modulo online a questo link:

MODULO PRENOTAZIONE ONLINE

In alternativa puoi scrivere una e-mail a promozione@pimemilano.com

oppure telefonare allo 02 43.822.390.

Se vuoi venire a trovarci a Milano, il Negozio Pime è in via Mosè Bianchi 94. Ti aspettiamo!

COSTI?

Panettone Pime 900 gr (tradizionale o con gocce di cioccolato): 10 EUR

Scatola biscotti artigianali 200gr delle monache trappiste di Praga: 6 EUR

Marmellate artigianali dal monastero di Vitorchiano: 5 EUR

Calendario dell’Avvento Pime: 4 EUR privati, 3 EUR parrocchie e gruppi 

MARGINE ASSOCIAZIONI

Le organizzazioni (parrocchie, onlus, scout, associazioni etc.) che desiderano finanziare la propria attività sociale attraverso i prodotti Pime possono trattenere sul prezzo di vendita al pubblico il 10%.

© Fondazione PIME Onlus C.F. 97486040153 e P.IVA 06630940960Pime Milano via Mosè Bianchi, 94 – 20149 Milano tel. 02438201 – fax 024695193
PIMEdit CF e P.IVA 11970250152
CEAM Srl P.IVA 10802530153
 

 

Resoconto riunione 4 ottobre 2017

Ci siamo riuniti nella sede del Circolo MIMA del Partito Democratico di via E. Ferrario 5, Clara Sestilli, Chiara Vaggi, Magda Codiglioni, Marina Cavallini, Giorgio Cavalca, Irma Molteni, Bianca De Varda, Mario Giorcelli, Attilio Lanzetta tutti soci del GAS Spaventaprezzi cui si sono aggiunti Felipe De Filippo, Elisabeth Jones ed Orietta Ferrero.
Scopo della riunione era valutare l’esperienza fatta nel corso della prima parte dell’anno con lo spostamento delle riunioni del GAS all’Umanitaria di via Solari 40 e nello stesso tempo valutare alla luce degli ambiziosi obbiettivi fissati alla fondazione del Gruppo quali risultati abbiamo raggiunto.
Clara Sestilli ha sintetizzato in quattro punti gli obbiettivi del GAS Spaventaprezzi:
• creare e consolidare i rapporti non solo tra i soci ma con altri GAS ed associazioni;
• compiere azioni di sostegno agli agricoltori ed alla loro opera di tutela dell’ambiente,
• incontrare Istituzioni ed Enti di ricerca per avere un supporto scientifico in materia di cibo, alimentazione ed equilibrio ambientale;
• partecipare alle iniziative promosse per la salvaguardia del Patrimonio naturale del Parco Sud.
Clara ha ricordato sommariamente le iniziative realizzate in linea con quegli obbiettivi:
• potenziamento degli acquisti a sostegno di una famiglia di agricoltori in difficoltà e di enti produttivi in territori sottratti alla mafia e di piccole imprese in lotta contro la criminalità;
• azioni in favore della costruzione del Distretto del Parco Agricolo Sud e delle sue iniziative in direzione della riconversione di territori agricoli verso il biologico ed il recupero di varietà vegetali tradizionali;
• realizzazione di un Blog (Gas Spaventaprezzi wordpress.com) grazie ad una nostra socia
• allestimento e proposizione di uno spettacolo di testi letterari e canzoni storiche nella cascina storica Linterno con le creazioni del duo Duperdu “Qui non si canta al modo delle rane”
Sulla opportunità di organizzare due punti di distribuzione dei prodotti ordinati, quello tradizionale presso la sede di Via Ferrario e quello presso l’Umanitaria di via Solari, 40, ovvero di trasferirlo unicamente nella sede dell’Umanitaria di via Solari 40, si è aperto un confronto tra due gruppi di soci.
Attilio Lanzetta ha ritenuto di raccogliere in brevi parole la posizione dei soci che hanno sostenuto l’opportunità di trasferire nell’unica sede dell’Umanitaria di Via Solari punto di distribuzione e sede del GAS riportandone la volontà di realizzarla definitivamente.
Tutti gli altri partecipanti alla riunione – Clara Sestilli, Chiara Vaggi, Magda Codiglioni, Marina Cavallini, Giorgio Cavalca, Irma Molteni, Bianca De Varda, Mario Giorcelli, hanno espresso l’opinione della opportunità di mantenere il punto di distribuzione e la sede del GAS Spaventaprezzi presso la sede di Via Ferrario.
Elisabeth Jones, Orietta Ferrero ed in particolare Felipe De Filippo Segretario del Circolo MIMA hanno detto di condividere la opportunità di aprire ad altri nuovi soci la base di aderenti al GAS, dichiarando fin d’ora la propria adesione e quella di Luisa Rusconi.
Sul tema del contributo riconosciuto dal GAS a favore del Circolo MIMA Felipe De Filippo ha manifestato il proposito di portare al Comitato Direttivo del Circolo la proposta di azzerarne l’obbligo.
Avendo Lanzetta dichiarato di ritirarsi dal Gas sino al prossimo anno, si è convenuto che dal mese di ottobre gli ordini verranno raccolti da Marina Cavallini.
In conseguenza dell’annuncio che Diana Castiglione non accetterebbe il ritorno delle consegne nella sede di Via Ferrario si è convenuto che agli acquisti alla Cascina Campi provvederanno Felipe De Filippo e/o Orietta Ferrero
Clara Sestilli

Hungry art. Braccia rubate all’agricoltura Brera ecosostenibile Atelier Torre Fornello

giovedì 23 febbraio 2017 presso l’ex chiesa di S. Carpoforo, sede didattica dell’Accademia di Brera, saranno presentate due pubblicazioni relative ai progetti didattici Hungry art (2014-15) e Brera ecosostenibile (2015-16) e i lavori elaborati in due annate del progetto Atelier Torre Fornello. Tre progetti, un’unica concezione – L’idea che sorregge il percorso di questi laboratori, curati da Ada Ghinato e Margherita Labbe, è la centralità di un discorso sull’ambiente e sulla sostenibilità delle nostre azioni nel fare artistico, la formazione di un nuovo senso di cittadinanza da cui l’arte non può prescindere.
Saranno presenti docenti, allievi e ospiti esterni che hanno partecipato e saranno proiettati elaborati audiovisivi e registrazioni realizzati nell’ambito di Atelier Torre Fornello.
Ingresso libero
Hungry art. Braccia rubate all’agricoltura era rivolto, nell’anno dell’EXPO 2015 alle problematiche dell’alimentazione in sede, e a una indagine a tutto campo sull’alimentazione sostenibile.
Brera ecosostenibile proponeva un ampio percorso sulle teorie e le pratiche della ecosostenibilità, intesa come modello armonico di maturazione degli artisti come testimoni privilegiati e promotori del cambiamento.
In entrambi i progetti, le proposte formative, di carattere teorico e laboratoriale contemplavano ambiti apparentemente distanti: Ecosofia, alimentazione, biodiversità, autoproduzione, pratiche di facilitazione del lavoro di gruppo.
Atelier Torre Fornello, trasversale a entrambi i laboratori, è un progetto pluriennale di ricerca e sperimentazione in collaborazione con l’azienda viti-vinicola Torre Fornello di Enrico Sgorbati, che ospita presso la sede dell’azienda in località Fornello a Ziano Piacentino (PC) workshop di docenti dell’Accademia di Brera, accompagnati da un gruppo selezionato di studenti, la cui finalità è far incontrare la cultura del vino con le arti visive, e far vivere un luogo di “gestazione” appartato di un respiro creativo nazionale e internazionale, come già avviene con diverse iniziative. Torre Fornello è infatti sede dal 2000 di una collezione permanente di opere di autori importanti (fra cui Marcel Allocco, Giuliano Mauri, William Xerra, Antonio Paradiso, Renato Jaime Morganti, Aldo Spoldi, Franco Vaccari e molti altri), e di mostre d’arte temporanee.
Il progetto, alla quarta edizione, ha ospitato nel 2015 workshop dei professori Nino Bacco, Nicoletta Braga, Chiara Giorgetti e Ada Ghinato, e nel 2016 workshop dei professori Valerio Ambiveri e Alberto Gianfreda.

FOOD FILM FESTIVAL @ PARCO AGRICOLO SUD MILANO – III Edizione

FOOD FILM FESTIVAL è un festival migrante nel territorio del Parco Agricolo Sud Milano.
FOOD FILM FESTIVAL è un’occasione per riflettere e confrontarsi sulle scelte consapevoli, sugli stili di vita sostenibili.
FOOD FILM FESTIVAL è cinema, cibo, agricoltura e sostenbilità.

venerdì 10 febbraio, al Barrio’s:

logo.jpeg
ore 19.30 – Degustazione a cura del GASP Barona: RIUTILIZZO E RICICLO PER COMPATTERE GLI SPRECHI!

ore 20.30 – FOOD CHIANS FOOD CHAINS the revolution in american fields
(PAESE: USA 2014 DURATA: 86′ Regia: Sanjay Rawal)
In questo documentario, un gruppo di intrepidi contadini della Florida lottano per sconfiggere i 4 mila miliardi di dollari dell’industria globale dei supermercati grazie al loro ingegnoso sistema di commercio equo,
che stabilisce un partenariato con coltivatori e rivenditori per migliorare le condizioni di lavoro dei contadini negli Stati Uniti.
La loro è una storia di speranza e promesse di trionfo morale sull’avidità delle corporazioni –
per assicurarsi una vita dignitosa per i contadini e una catena alimentare più umana e trasparente.

Al termine – intervento di Dario Billè– PROGETTO ZERO SPRECHI

Biodiversità a Milano

Acqua Nostrana: I Fontanili e le Marcite nella Storia del Territorio di Porta Vercellina

Mercoledì 1.o Febbraio 2017 alle ore 16 all’Urban Center in Galleria Vittorio Emanuele II un incontro sulle Marcite e i Fontanili di Porta Vercellina, un viaggio nella storia di questo lembo di territorio utilizzando l’acqua come “filo conduttore” del discorso. Successivamente parleremo anche della Vita in Cascina e delle tante Cascine che ancor oggi sono presenti sul territorio. Non mancate e … passa parola!!!!

Partecipazione libera, vi aspettiamo numerosi!

locandina_urban_center_copia.jpg

 

FOOD FILM FESTIVAL@PARCO AGRICOLO SUD MILANO

venerdì 20 gennaio ore 19.30
Teatro Edi/Barrio’s
piazza Donne Partigiane, 20142 MILANO

FOOD FILM FESTIVAL è un festival migrante nel territorio del Parco Agricolo Sud Milano. FOOD FILM FESTIVAL è un’occasione per riflettere e confrontarsi sulle scelte consapevoli, sugli stili di vita sostenibili. FOOD FILM FESTIVAL è cinema, cibo, agricoltura e sostenibilità

image.gif
image.png
Tra gennaio e marzo 2017, i paesi del Parco Agricolo Sud di Milano si illumineranno dei riflessi del grande schermo attraverso una kermesse itinerante che parlerà di agricoltura, cibo e sostenibilità. Sedici appuntamenti in dieci differenti territori, che guideranno centinaia di persone in un viaggio alla scoperta dei luoghi di produzione del cibo che arriva sulle nostre tavole. Ogni serata sarà l’occasione per conoscere la storia del cibo attraverso le proiezione di film, cortometraggi o documentari, preceduta dalla degustazione di prelibatezze dolci e salate di prodotti del Parco Agricolo Sud Milano e del commercio equo e solidale. Al termine, si ascolteranno le testimonianze di produttori, agricoltori ma anche associazioni che proporranno le loro esperienze alla discussione.

Il FOOD FILM FESTIVAL è una rete variegata ed è organizzato da realtà del consumo critico del Parco Agricolo Sud Milano tra cui gruppi di acquisto solidale, botteghe del commercio equo e solidale, distretto di economia solidale e produttori. Se il cibo che mettiamo in tavola potesse parlare, ci racconterebbe storie di sfruttamento e di conflitti armati, perpetrati dal nostro mondo in sovrappeso usando risorse del mondo affamato.

Con questo festival vogliamo discuterne con voi!

IL PROGRAMMA COMPLETO SU
http://www.foodfilmfestival.info

SEGUICI SU
facebook.com/FFF.pasm

Progetto Agri-Cultura alla Cascina Linterno

Proseguono le iniziative culturali e di aggregazione in Cascina Linterno,
nell’ambito del Progetto AgriCultura
Festa di Sant’Antonio a Cascina Linterno
Domenica 15 Gennaio 2017 dalle 15 alle 19
Via Fratelli Zoia, 194 – Parco delle Cave.
Autobus 67 da MM1 “Bande Nere”, 49 da MM1“Inganni” e 63 e 78 da MM1 “Bisceglie”
Info : 334 7381384

Partecipazione libera e gratuita

locandina_falo_2017_150117-2.jpg

UN NOBEL A MR. TAMBURINE MAN

312ff020-6b23-457e-a353-23a46f147b4d.jpg

Circolo PD MiMa – Milano Magenta XXV Aprile – Milano
Cari iscritti e amici del Circolo,

Venerdì prossimo sarà la nostra ultima serata del 2016. Una serata particolare con parole musica panettone e auguri, nella quale sarà ancora possibile iscriversi o rinnovare la tessera. Una bella serata alla quale è un peccato non partecipare.

VENERDI’ 16 Dicembre
Via Ercole Ferrario 5 – ore 21
UN NOBEL A MR. TAMBURINE MAN
Con Matteo Bossi / Paul Raffaldi & friends
Serata ludico- culturale con parole (Matteo Bossi, giornalista de “Il Blues Magazine”, presenterà l’artista e ne analizzerà i testi) e musica (Paul Raffaldi e i suoi amici eseguiranno le canzoni). Protagonista, l’impagabile premio Nobel Bob Dylan.

f8998002-805b-4cc2-9b7a-0286b8e922c2